Piccoli blog crescono. Un anno di Socialmediacoso

Piccoli blog crescono. Un anno di Socialmediacoso

Un anno fa nasceva Socialmediacoso, e da allora molte cose sono cambiate. Ecco com’è andata.

Dopo dieci giorni di “clausura”, lontano dai social e dal web (se si escludono le serie tv in streaming), ritorno a scrivere sul blog per celebrare il primo compleanno di questa mia casa digitale, che ho costruito mattone su mattone, come il terzo porcellino – quello saggio – della famosa favola per bambini.

Socialmediacoso non è solo un blog, è qualcosa di più complesso e ampio; a me piace considerarlo un hub, dal quale partono e verso il quale convergono vari progetti lavorativi, che comprendono le tre aree nelle quali, col tempo, mi sono specializzato: Social Media Marketing, Blogging e Copywriting.

Non è stato facile lanciarmi in questa nuova avventura, per una serie di ragioni personali e professionali che non sto qui a raccontarti, ma ogni giorno che passa sono sempre più contento di aver trovato la forza ed il coraggio, nell’agosto del 2014, di mettere online il blog e iniziare ad espormi, raccontando il mio punto di vista.

I primi mesi sono stati duri, ancora non avevo bene in mente un progetto editoriale definito, mi mancava una reale organizzazione del lavoro, non avevo individuato il tono di voce più congeniale al mio stile di scrittura; inoltre, l’ansia e la paura mi portavano a tenere il freno a mano tirato, scrivendo post brevi, nei quali approfondivo molto poco gli argomenti, lasciandomi condizionare dalla convinzione diffusa che i contenuti troppo lunghi non siano ben visti dai lettori.

Con il tempo ho sistemato alcune cose, ho ridotto il numero di post a settimana, ho creato due rubriche fisse e mi sono concentrato di più sulla scrittura e meno sull’ottimizzazione e sulla SEO, facendo emergere il mio punto di vista, la mia personalità ed il mio modo di scrivere, che non è impeccabile dal punto di vista tecnico, ma è il mio, e sacrificarlo mi impediva di divertirmi in fase di scrittura, cosa fondamentale per me.

Leggi anche:   Come scrivere un blog con continuità senza impazzire

L’ho ripetuto spesso nei miei post, la parte più bella di questo lavoro è l’interazione con le persone, che non sono e non devono essere considerate come semplici lettori, o clienti, ma amici, con i quali scambiare quattro chiacchiere e confrontarsi.

Grazie a Socialmediacoso ho conosciuto persone che oggi mi onoro di definire amici, con i quali ho instaurato un rapporto molto bello, scevro di sovrastrutture e obblighi sociali. Ci frequentiamo perché vogliamo farlo, ed è bellissimo.

A questo proposito, sento di dover ringraziare alcuni amici chi mi ha accompagnato durante tutto l’anno, e che senza il blog non avrei conosciuto: Francesca Cora Sollo, che è diventata come una sorella per me, Matteo Pogliani, il mio fratellone digitale, che ormai è una costante nella vita e nel lavoro (prima o poi apriremo l’agenzia #PoiConsegno), Rita Fortunato, logorroica e talentuosa in egual misura, che ho coinvolto nella gestione di un cliente, Monia Taglienti, che mi lusinga (quasi) ogni giorno chiedendomi consigli e pareri tecnici, Simone Bennati, il mitico Bennaker, con il quale ho avuto il piacere di passare un po’ di tempo, Ludovica De Luca, la mia blogger preferita e mia sorella di caffè, Francesca Borghi, il generale dal cuore d’oro, a cui mando un abbraccio forte, Michele Bosco (“fratmo”), una persona eccezionale, umile e intelligente, Mirko Saini, al quale devo molto dal punto di vista lavorativo, Paola Chiesa e tutta la community #Adotta1Blogger, senza la quale non avrei conosciuto tanti colleghi molto bravi, e ancora Elisa Spinosa, Luca Bozzato, Valentina (SimSalaBlog) Sala, Gloria Vanni, Michelangelo Giannino, Eufemia Scannapieco e…meglio se mi fermo, altrimenti vado avanti all’infinito.

Oltre ad avermi fatto conoscere persone eccezionali, il blog mi ha portato clienti e lavoro, consentendomi di collaborare con diverse realtà e professionisti dislocati sul territorio nazionale (se non contiamo la richiesta di informazioni da un’azienda Estone 😛 ) e di crescere molto come professionista.

Leggi anche:   Come creare un blog abbastanza affermato

Sono molto soddisfatto di quello che ho fatto in quest’ultimo anno, ed il merito è solo di Socialmediacoso.

Ora il gioco si fa duro, perché nel mio piccolo qualche risultato l’ho raggiunto, e chi mi segue costantemente ha delle aspettative su di me, ed io non posso e non voglio deludere chi mi ha fatto arrivare fino a questo punto.

Ho diverse idee in mente, spero di riuscire a trasformarle in realtà nel corso dei prossimi mesi. Alcune cose cambieranno, ridurrò il numero di post a settimana e introdurrò i guest post, per ospitare contenuti scritti dalle persone che stimo di più nel mio settore.

Adesso ti saluto, ma non senza prima averti ringraziato; senza di te non ce l’avrei fatta. Un abbraccio!

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.