Quattro Chiacchiere con i creatori di #dilloconunpost

Francesca Sollo, Nico Caradonna

Nuovo appuntamento con le interviste ai professionisti del web marketing. Oggi ospito (di nuovo) Francesca “Cora” Sollo e Nico Caradonna, mamma e papà di #dillconunpost.

Il web è pieno di quello che Jep Gambardella chiamerebbe “lo squallore disgraziato”, ma se sei capace di guardare al di là del tuo naso – e del tuo monitor, ti renderai conto che dall’altra parte ci sono delle persone che, spesso, hanno solo voglia di raccontare una storia e di interagire con gli altri, in un vortice di condivisione che non può far male.

Io sono convinto che, facendo le dovute valutazioni e selezioni del caso, il web rappresenti più una opportunità che una minaccia, soprattutto se ci si mette nella condizioni di farsi trasportare dal lato buono del web, come ama definirlo la mia sorellina digitale, Francesca “Cora” Sollo, che, dopo aver inaugurato questa rubrica, torna sul luogo del delitto in compagnia dell’“ottico del web”, Nico Caradonna, per parlare della bella iniziativa che hanno lanciato qualche giorno fa, #dilloconunpost (qui gli account ufficiali di Instragram e Twitter).

#dilloconunpost

Di cosa si tratta? Te lo faccio spiegare da loro.

Francesca Sollonico caradonna

Cora ha inaugurato questa rubrica, quindi ho avuto già modo di chiederle “Chi sei e cosa fai della vita”. Ora tocca a te Nico.

Cora – Non è giusto: a me piace tanto parlare e quindi ti risponderò di nuovo! Nel frattempo, infatti, sono cambiate un po’ di cose, sai? Sono diventata più grande, ho lanciato il mio blog (socialmuffin.it) che sto trascurando ma che riprenderà presto le attività con nuovi e coinvolgenti progetti (#dilloconunpost e #guerrieredigitali sono solo due delle iniziative) e ogni giorno di più mi innamoro di questa rete! Ho la fortuna di lavorare con una vera e propria famiglia e, inoltre, il lavoro di social media strategist mi coinvolge sempre di più. Ma quanto è bello il mondo? *_*

Leggi anche:   Quattro Chiacchiere con Francesco Mercadante su blogging e linguaggio

Nico – Sono Nico Caradonna, Ottico e Ortottista nel mondo reale, Blogger e #OtticoDelWeb nel mondo virtuale. Passo le mie giornate nell’ottica di famiglia a Modugno, in provincia di Bari, cercando di aiutare i miei clienti a vedere meglio il mondo, e, contemporaneamente cerco di rispondere a tutte le domande che mi arrivano tramite tweet e messaggi privati. Amo la ricerca di occhiali di design (anche perché mi consente di viaggiare abbastanza!) e da poco meno di un anno ho avviato #VisionEmotion, il primo blog italiano di design eyewear (www.nicocaradonna.it). Con articoli sul mio blog e condivisioni sui miei canali social cerco di trasmettere la mia passione per il mondo degli occhiali ed in generale ciò che mi emoziona. Sono un appassionato di comunicazione ed amo profondamente i social network, su cui ogni giorno sono in contatto con persone splendide che fanno parte realmente di quel patrimonio umano che mi fa sentire ricco in questa vita!

Insieme avete creato il progetto #dilloconunpost. Com’è nata l’idea?

Cora – E’ appena finito un periodo di (scusa, Frà, parolacce se ne possono dire?) cavolo. Un giovedì sera ero ancora col mio mac aperto sulla scrivania, la luce della lampada accesa ed il morale sotto i piedi. Partecipo, distrattamente, ad un botta e risposta con quelli del buongiorno: Cecilia, Rudy, Nico e gli altri. L’argomento non lo ricordo: ricordo però che volevo regalare dei post-it a forma di salama per prendere in giro qualcuno a caso. Come al solito, da cosa nasce cosa.
«Nico, e se facessimo un buongiorno diverso con un post-it analogico in formato digitale?»
«Un minuto del nostro tempo per una persona lontana con un pensiero che corre attraverso la rete»
«E se lo dicessimo con un post?»
Il resto è storia, o meglio uno streaming di post che ogni giorno riempie i social di pensieri, buonumore, consigli ed abbracci reali. Negli ultimi giorni anche alcune campagna ed eventi hanno coinvolto gli utenti con #dilloconunpost ed è stato bello, davvero.

Nico – Hai presente quelle idee che nascono all’improvviso? Quelle che non erano scritte da nessuna parte, neanche su un post-it? Ecco, proprio così, della serie che tutto è nato sperimentando (adoro questa parola!) “domani ci diamo un buongiorno reciproco con un post-it, anzi con un #dilloconunpost”. Questa è l’origine, poi c’è stata l’evoluzione e l’espansione attraverso le bacheche di tantissimi amici e amici di amici. Incredibile… ma WEB. Si, questo è il web che mi piace.

Leggi anche:   Quattro Chiacchiere con Valentina Sala su e-commerce e formazione

Cosa vi aspettate da #dilloconunpost?

Cora – Ad oggi siamo a quasi un milione di impression e mezzo milione di persone che hanno visto l’iniziativa. Oltre 500 gli utenti coinvolti e tantissimi post generati. Stiamo ancora cercando di capire i primi risultati perché, onestamente, la cosa c’è un po’ sfuggita di mano. Non ci aspettavamo tanto coinvolgimento e viralità! Abbiamo lanciato due post e… BOOM! Ci siamo ritrovati inondati di post, tag e hashtag: i buongiorno sono diventati reali e sono usciti dalla cricca del digitale ed è arrivato anche agli utenti veri.
Cosa mi aspetto? Che continui, che coinvolga sempre più persone e che insegni alle persone come un piccolo gesto può smuovere il mondo intero.

Nico – Personalmente mi auguro che i nostri amici continuino a divertirsi, perché solo così si potranno ottenere risultati migliori, da ogni punto di vista. Energia genera energia, io ci credo. Questa iniziativa ha un’anima giocosa, perché alla base abbiamo cercato di mantenere la creatività e l’emozione di ogni utente. Tutti i #dilloconunpost girano spontaneamente per tweet, retweet, post su FB, Instagram, insomma ormai se ne vedono tantissimi in giro per il web e per noi questo è un fantastico risultato.

L’iniziativa ha riscosso da subito un grande successo, coinvolgendo molte persone, ma c’è anche qualcuno che un po’ ha rosicato. Secondo voi perché?

Cora – La risposta è semplice: perché la gente non perde troppo tempo in quello che fa (e spesso nemmeno ci crede) e pensa che il digitale non sia un lavoro in cui l’impegno e la fatica pagano. Invece è così: la creatività, la costanza di ogni giorno per costruire una solida base professionale attraverso sia il tuo network, che le conoscenze (intese come studio) ed esperienza pagano. Magari non subito. Non diventerai Skande con un programma intensivo di tre giorni, ma riuscirai a farti apprezzare per ciò che sei e che sai fare. Ed è successo così. Ai rosiconi dico semplicemente di rilassarsi e trovare la chiave del loro successo, che le rughe nella vita bisogna farsele venire per le troppe risate e non per i musi dei successi (se tali si possono definire, ma ho dei dubbi) degli altri. Io credo che nella vita ognuno prende ciò che semina. Quindi, invece di clonare le pagine, inventatevi qualcosa che faccia stare bene le persone e se stessi!

Nico – Probabilmente c’è qualcuno che continua a credere nelle formule matematiche per generare interesse e viralità in rete, quindi questa iniziativa fondata su cuore e leggerezza ha creato qualche scompenso. Tuttavia Francesco, ti confesso che non ho dato peso a tutto questo perché i #dilloconunpost da leggere ogni giorno sono sempre tanti!  🙂

Leggi anche:   Come sviluppare una strategia di Content Marketing [+Slide]

Condividere in digitale un gesto e un pensiero analogico. Qual è il messaggio che volete lanciare con #dilloconunpost?

Cora – Riappropriarsi di un gesto semplice come quello di prendere una penna, un pezzo di carta, pensare e scrivere. Fotografarlo e condividerlo è solo uno step successivo. Dedicarsi ad un’attività analogica e coinvolgere il digitale come mezzo per la condivisione è un’azione naturale, per me. Online e offline non sono due entità separate ma due livelli di percezione del mondo: tutto qua. Nulla di trascendentale. L’online è molto più reale di quello che si pensa e #dilloconunpost ne è la conferma!

Nico – Nel mio quotidiano, reale e virtuale, cerco sempre di comunicare qualcosa di positivo a chi mi sta intorno. Molto spesso utilizzo carta e penna perché amo trasmettere la mia emozione attraverso il movimento della mia mano, mentre scrivo una frase. Con #dilloconunpost c’è la possibilità di scrivere qualcosa e spedirlo a qualcuno che vive lontano da noi. Non è straordinario tutto questo? 🙂

Cosa dobbiamo aspettarci per #dilloconunpost nel prossimo futuro?

Cora – Cominciamo con una landing (clicca qui per visitarla) dove vi mostreremo quanto ogni giorno sia forte la bellezza della rete. Poi pensiamo a qualcosa come eventi, iniziative e – perché no, – abbracci reali!

Nico – L’iniziativa punta al coinvolgimento attivo degli utenti e alla condivisione di bellissimi pensieri. Per ora stiamo cercando di organizzare tutti i post… a proposito, grazie per il tuo utilissimo post sull’aggregatore di hashtag! Dove ci sono belle persone e buoni propositi, di sicuro può nascere qualcosa di utile, per tutti. Questa è l’essenza più pura della rete.

Salutate i miei adorati lettori con un #dilloconunpost.

#dilloconunpost

#dilloconunpost


A me piacciono queste iniziative, perché non è detto che a motivare i socialcosi debba essere solo l’interesse economico, ci vuole passione, e bisogna anche sapersi divertire e non prendersi troppo sul serio.

In fondo, stiamo parlando di social network…nella vita ci sono molte cose più importanti.

Mi raccomando, partecipa all’iniziativa #dilloconunpost, e aiuta Francesca e Nico a farla crescere sempre di più.

Ti auguro un buon weekend. Ci vediamo lunedì, con un post dal sapore medievale, firmato a quattro mani con l’amico Matteo Pogliani. Se vuoi leggere un dialogo tra due socialcosi in una lingua pseudo volgare, simile a quella parlata nel film “L’armata Brancaleone”, ti consiglio di non perdertelo!

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.