Quattro Chiacchiere con il team di PostPickr

rubrica quattro chiacchiere

Nuova intervista a professionisti del web marketing. Oggi ospito non una, ma tre persone che hanno realizzato un grande tool di gestione dei social.

La settimana scorsa ho pubblicato il mio consueto Essential Tools, dedicato agli strumenti utili per la gestione delle interazioni sui social.Tra le risorse consigliate ho indicato anche PostPickr, un tool editoriale per il Social Content Marketing che consente la gestione multipla di account social.

Oltre ad essere molto ben fatto, PostPickr è interamente Made in Italy, frutto dell’ingegno e delle competenze di tre persone, che ho il piacere di intervistare oggi.

Sto parlando di Antonello Fratepietro, Maurizio Lotito e Maria Miracapillo.

Team-PostPickr
Maurizio Lotito, Maria Maracapillo, Antonello Fratepietro

Ecco di cosa abbiamo parlato.

Ciao ragazzi. Iniziamo dalle cose difficili: chi siete e cosa fate nella vita?

Maurizio: Mi sono formato professionalmente nel mondo della arti grafiche, poco dopo il diploma di maturità in Informatica. Pioniere del Desktop Publishing, impaginavo giornali su un MacPlus con schermo B/N di 9 pollici, FD da 400kb e la versione 1.0 di PageMaker (che tempi…). Col tempo ho sviluppato competenze di progettazione grafica, copywriting, project management e brand design. Con l’avvento del web 2.0 sono migrato nei nuovi mondi digitali, occupandomi in particolare di web/social content marketing. Dopo 20 anni di società in una agenzia di comunicazione, in piena crisi professionale di mezza età, ho mollato tutto per co-fondare insieme ad Antonello e Maria il progetto PostPickr, nel quale mi occupo di comunicazione, marketing e product design.

Maria: Ciao, sono Maria, classe 1979. Fin da piccola sono stata affascinata dalla tecnologia. Ricordo ancora il mio primo regalo hi-tech ricevuto, un “Commodore 64” con cui passavo il tempo a giocare a Prince of Persia o il mio primo modem 56k con cui mi collegavo e “scoprivo il mondo”… eh sì… sono un’inguaribile nostalgica 😀
Ho lavorato nel settore dell’Informatica fino al 2006, quando con Antonello ed un altro socio fondammo la Bit Logic, azienda che opera nel settore IT e nello sviluppo di applicazioni web. Proprio questa esperienza mi ha portato ad ampliare i miei orizzonti ed a scoprire nuovi modelli di business legati al digitale ed a diventare co-founder insieme a Maurizio ed Antonello di questo fantastico progetto.

Antonello: Dalle 9 alle 21 mi divido tra Javascript, HTML, Css, server web, virus, hackers, etc. Dopo le 21 scendo nell’underground della rete dissetandomi con qualche buona birra o un calice di vino. Faccio questa vita da vent’anni! È arrivato il momento di smettere.

Come e quando nasce la vostra collaborazione?

Antonello: Il progetto PostPickr nasce nell’aprile 2013 in seguito alla creazione da di “TiAggiorno”, un gioco/esperimento che permetteva di programmare in anticipo la pubblicazione dei post su Facebook. All’inizio lo usavo per pubblicare quello che mi piaceva: musica, notizie di informatica e film. La notizia comparve nel newsfeed di Maurizio con cui in passato avevo già collaborato per altri progetti, il quale intuendo le potenzialità dell’idea, mi propose alcune ipotesi di sviluppo ed il proprio contributo professionale. Poco dopo si unì al progetto anche Maria. Dopo le prime analisi ed approfondimenti, decidemmo di far partire la fase di sviluppo del primo prototipo, che abbandonò il nome di TiAggiorno per diventare definitivamente PostPickr.

Perché avete deciso di investire tempo, risorse e professionalità nella realizzazione di un Social Media Management Tool, settore nel quale la concorrenza è già molto forte?

Maria: Uno dei principali motivi è stato quello colmare un vuoto nel nostro mercato geografico di riferimento, l’Italia. Ci siamo detti: perché non essere tra i primi a lanciare un tool interamente progettato, sviluppato e pensato per gli utenti italiani? Può questo tradursi in un punto di forza? Abbiamo colto questa chance e devo dire che abbiamo visto giusto, poiché il fattore “Made in Italy” si è rivelato estremamente premiante, per noi ma soprattutto per i nostri utenti. Più in generale, va detto che il nostro è un mercato in continua espansione ed il numero di professionisti e aziende che presidiano strategicamente i social network è destinato inevitabilmente ad aumentare. Certo, la concorrenza è molto forte. Esiste un’ampio spettro di competitor, rilevanti ed affermati, detentori di una larga fetta di mercato. Nonostante tutto riteniamo (anche in base alla nostra personale esperienza professionale) che ci siano ancora molti bisogni da soddisfare a cui poter offrire una soluzione, soprattutto in termini di approccio e di modus operandi nella gestione dei social media.

Sapreste indicarmi tre ragioni per abbandonare Hootsuite e Buffer e iniziare ad utilizzare PostPickr?

Maurizio: Partirei col precisare che dalla nostra esperienza emerge una propensione abbastanza diffusa, soprattutto da parte degli utenti più evoluti, nell’utilizzare un “mix” di strumenti piuttosto che affidarsi univocamente ad una sola piattaforma. Ti indicherò quindi gli elementi che riteniamo premianti e sui quali abbiamo sviluppato il concept del nostro prodotto:

  1. Design dell’interfaccia, usabilità e user experience: nonostante ci siano ancora ampi margini di miglioramento, i feedback positivi ricevuti dagli utenti su questo aspetto sono pressoché unanimi;
  2. Gestione dei contenuti: Postpickr nasce come una piattaforma di social media management fortemente orientata ai contenuti (because Content is King). La cura che riserviamo nella loro gestione è prioritaria: dall’editing (creazione/formattazione), alla discovering/curation (gestione delle fonti esterne), al management (classificazione per argomenti/topics, organizzazione in rubriche, archiviazione);
  3. Approccio Editoriale: vogliamo rendere PostPickr una piattaforma capace di integrare perfettamente i flussi tipici del Piano Editoriale, il principale strumento usato dai professionisti per pianificare e gestire la comunicazione. L’idea è quella di offrire all’utente un sistema semplice ed intuitivo per costruire un “Palinsesto Social” di pubblicazioni pianificate, mutuando l’organizzazione dei media tradizionali. A differenza però del palinsesto radio-televisivo classico, il nostro è dinamico e sempre aggiornabile, il che consente all’utente di operare correzioni e miglioramenti in corso d’opera.

Quanto è importante per un’azienda, un’agenzia o un libero professionista poter contare su strumenti efficace e semplici da usare?

Maurizio: È praticamente indispensabile. Le aziende ed i professionisti si vedono sempre più costretti a pensare come editori e ad affrontare la gestione su un piano strategico. Fare content marketing infatti si è rivelato un compito molto impegnativo: i canali si moltiplicano e richiedono attenzione, competenza e costante alimentazione: il 64% dei content marketers ritiene infatti di non produrre e distribuire efficacemente i suoi contenuti sul web (fonte: Content Marketing Institute). Risparmiare tempo e produrre più contenuti sono quindi le maggiori sfide per le piccole/medie imprese attive nei social media, sfide che possono essere affrontate solo con l’aiuto dei giusti strumenti.
Al momento PostPickr è ancora in fase beta, eppure offre già funzioni molto utili ed una più che soddisfacente user experience.

Cosa dobbiamo aspettarci nei prossimi mesi?

Antonello: Uno dei nostri punti di forza è lo sviluppo continuo e senza interruzione di nuove funzionalità, per andare incontro alle esigenze e richieste dei nostri beta tester. Abbiamo in cantiere tante idee e soluzioni, alcune delle quali sono state annunciate nella sezione “The Next Big Thing” del nostro sito. Attualmente siamo al lavoro sul “cuore” dell’applicazione, per integrare le più recenti ed innovative tecnologie del web (NodeJs e Realtime) che permetteranno di migliorare ancora di più la user experience e le prestazioni generali della piattaforma. Nei prossimi mesi arriverà anche la app per dispostivi mobili ed un PostPickr di cui speriamo gli utenti si innamorino ancora di più (cerchiamo di sedurli con tutte le armi disponibili!).

Quanto conta la musica nel vostro lavoro?

Maurizio: Nel mio lavoro qui a PostPickr conta relativamente, nel senso che svolge la classica funzione di “base ispiratrice” quando la ascolto in sottofondo durante le attività più creative. In qualità di social media manager freelance invece, sono consulente da svariati anni di una etichetta discografica indipendente ed in questo caso la musica è centrale nel lavoro per i motivi che potrai facilmente immaginare. Ma, lavoro a parte, nella vita privata la musica viene al primo posto tra le mie passioni. Ti dico solo che a 44 anni suonati, suono (scusa il gioco di parole) almeno una volta a settimana in una rock band composta da amici storici con cui condivido questa passione da quando avevo 16 anni 🙂

Maria: La musica mi accompagna in ogni momento della mia vita non solo nel mio lavoro. Ogni canzone per me diventa una colonna sonora del momento vissuto e riascoltarla è come rivedere una fotografia impressa nella memoria. In questo momento per esempio la mia colonna sonora è “don’t stop me now” 😉

Antonello: Come dicevo uno dei motivi per cui ho scritto il primo algoritmo alla base di PostPickr è quello di pubblicare sul mio profilo un po’ di buona musica! Ascolto rock/indie degli anni 60 in poi. Senza la musica di sottofondo PostPickr sarebbe stato un software grigio e noioso 🙂

Progetti Futuri?

Maria: Sono tanti e “ben organizzati”. Oltre alla progressiva implementazione di nuove funzionalità contiamo a breve di uscire con la versione commerciale di PostPickr, che farà da trampolino di lancio per una campagna di crowfunding reward-based. L’obiettivo è quello di accelerare la fase di sviluppo fornendo in cambio forti sconti sugli abbonamenti e soprattutto la possibilità di contribuire in prima persona allo sviluppo della piattaforma. Parallelamente, siamo alla ricerca di investitori privati che ci permettano di fare il “grande salto” verso l’internazionalizzazione del progetto (se qualcuno è in ascolto batta un colpo!)
Poi, se mai avanzerà del tempo, ci piacerebbe fare tutti una bella vacanza… magari a Menlo Park 🙂

Sono veramente contento di aver fatto questa intervista, e se leggendola anche solo una persona inizierà ad utilizzare PostPickr sentirò di aver fatto qualcosa di utile per Antonello, Maurizio e Maria, ma anche per tutti quei professionisti che hanno un’idea valida e che lavorano giorno e notte per riuscire a realizzarla.

Leggi anche:   Quattro Chiacchiere con Francesco Mercadante su blogging e linguaggio

Domani sarò impegnato al W.U.D. – WebUpDate, dove dovrò occuparmi del live twitting in compagnia di Cora Francesca Sollo. Beh…lo farò usando PostPickr e non vedo l’ora!

Seguici su @Fra_ambro, @socialmediacoso@WebUpDate2015 e @social_muffin.

A lunedì.

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.