LinkedIn Pulse: la nuova via del blogging

LinkedIn Pulse

LinkedIn non smette mai di stupire. Il 2015 sarà l’anno della consacrazione.

Ho imparato ad apprezzare LinkedIn lentamente, molto più lentamente di altri social, ma da un annetto a questa parte ogni giorno che passa mi piace sempre di più.

Mi sono reso conto che le interazioni che si generano su LinkedIn sono più mature rispetto a quelle di Facebook & Co., ed è diventato una fonte inesauribile di notizie interessanti, grazie a LinkedIn Pulse.

Ho scoperto Pulse solo di recente, leggendo il mitico Mirko Saini e la sua rubrica “LinkedIn Cafè”, ed ho iniziato a consultarlo nella mia attività di rassegna stampa quotidiana.

Circa un mesetto fa, poi, dopo aver letto un post sull’attivazione di Pulse anche per gli utenti italiani, scritto da Michelangelo Giannino, ho deciso di utilizzarlo anche io, un po’ per curiosità, un po’ perché ho una mezza idea in testa che spero prenda vita a breve.

Essendo disponibile solo per gli utenti di lingua inglese, per attivare la funzione Pulse bisogna cambiare le impostazioni, sostituendo Italiano con Inglese.

Se non lo sai, Pulse è la sezione di LinkedIn dedicata ai post pubblicati dagli utenti direttamente sulla piattaforma, quindi non provenienti da link esterni.

Perché utilizzarlo?

Beh…per tre motivi essenzialmente:

  1. È facilissimo da usare, con un editor di testo molto simile a quello di WordPress e Medium. Non bisogna installare template, plugin, e non devi smanettare con il codice Html, quindi è l’ideale per chi non ha dimestichezza con l’aspetto più tecnico della gestione di un blog. Puoi aggiungere una foto di copertina, video da YouTube e simili, link esterni, visualizzare il numero di persone che lo hanno letto, i like e i commenti. Inoltre, i post possono essere condivisi su LinkedIn, Twitter, Facebook e Google + attraverso i pulsanti posti sotto l’immagine;
  2. Ogni volta che pubblichi un post tutti i tuoi contatti ricevono una notifica. Questo non significa che tutti leggeranno l’articolo, ma potenzialmente potrebbe accadere;
  3. È gratuito, niente domini e hosting da comprare, niente web master a cui rivolgersi per l’assistenza e la manutenzione, niente pericoli di crollo dei server. Insomma, scrivi, pubblica e stai sereno.
Leggi anche:   Twitter elimina il limite dei 140 caratteri nei DM

Anche se nasce con l’obiettivo di generare relazioni su basi professionali, i capoccia di LinkedIn sono perfettamente consapevoli che il blogging e il content marketing, oggi, sono elementi imprescindibili per un professionista, indipendentemente dal settore nel quale opera.

Ecco perché da un anno a questa parte i vertici del social hanno puntato molto su Pulse.

Due giorni fa ho ricevuto la newsletter “The LinkedIn Blog”, e quello che ho letto mi è piaciuto molto.

In un anno, questi i dati riportai nella mail, sono stati pubblicati su Pulse un milione di post da parte dei membri attivi, a dimostrazione di quanto lo strumento del blog interno abbia preso piede su LinkedIn.

Verso la fine della mail c’è questo periodo, che mi ha colpito particolarmente:

And we’re just getting started. In the coming months, all of our members will have access to the publishing platform and will be able to post in the languages LinkedIn currently supports.

Si, hai capito bene! Nei prossimi mesi LinkedIn Pulse verrà reso disponibile a tutti gli iscritti, in tutte le lingue supportate dalla piattaforma.

Questa notizia è molto importante, e non solo per chi utilizza LinkedIn per fare networking e personal branding, ma per tutti i blogger, che dovranno iniziare a confrontarsi con il fenomeno del social blogging.

Ne ho già parlato in un precedente post, e credo che rappresenti il futuro del settore. E LinkedIn Pulse ne sarà protagonista.

Ti lascio riportandoti di seguito una slide pubblicata dal profilo ufficiale LinkedIn su SlideShare, nella quale sono riportati i migliori post pubblicati sul social nel 2014.

Vale la pena darle un’occhiata.

 

Leggi anche:   Perché usare il tuo branded hashtag su Instagram

Che aspetti? Corri ad usare LinkedIn Pulse!!! A lunedì!

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.