È ufficiale: Facebook fa sul serio!

Facebook

Il social network di Mark Zuckerberg ha annunciato due novità molto interessanti.

Sarà l’atmosfera natalizia che ci rende tutti più buoni, ma non avrei mai pensato di complimentarmi con i capoccia di Facebook per ben due volte nella stessa giornata, eppure è successo.

Ieri, infatti, sono state annunciate due novità attese da mesi, in particolare dai socialmediacosi: i trending topic e nuovi strumenti per pubblicazione e Insight.

La cosa che mi ha sconvolto di più è che entrambe le funzioni sono a vantaggio degli utenti, e non degli azionisti. Cose da pazzi!

Vuoi vedere che hanno imparato cosa significa la parola “social” davanti a “network”?

Trending Topic

Alzi la mano chi non ha gioito quando sono stati introdotti gli hashtag su Facebook e ha successivamente chiamato in causa parecchi santi quando si è reso conto che non servivano a una beatissima mazza!

Io che ho avuto il mio battesimo social con Twitter aspettavo da tempo l’introduzione di questo strumento che, se utilizzato #ComeDioComanda e non #acazzodicane, è molto utile. Il problema è che senza una sezione dedicata ai Trendig Topic l’utilizzo di un hashtag in un post risultava alquanto inutile, se non per mettere in evidenza una parola o un concetto.

In un articolo pubblicato ieri sul blog ufficiale da Diana Hsu e Andrew Song, Product Managers di Facebook, si illustra questa funzione, specificando che cliccando su una voce presente nel riquadro dedicato ai Trending sarà possibile visualizzare:

  1. Articoli pubblicati sull’argomento da giornali online;
  2. “In the Story”, ovvero post pubblicati da persone coinvolte nella storia;
  3. Post pubblicati da amici e conoscenti;
  4. “Near the Scene”, ovvero post pubblicati da persone non coinvolte in prima persona ma comunque parte della storia;
  5. Live Feed, un flusso in tempo reale di reazioni a un topic da parte di persone in tutto il mondo.
Leggi anche:   Analisi semiseria dei rompicoglioni nei gruppi su Facebook

La funzione è attiva a partire da oggi ma, come sempre, solo per gli utenti Usa e per i dispositivi Android, mentre per gli altri Paesi e per iOS bisognerà attendere ancora un po’.

Speriamo non troppo.

Insight e Pubblicazione

Chi gestisce fanpage deve quotidianamente controllare gli Insight per ottimizzare la pubblicazione di contenuti, perché postare la foto del gattino non vuol dire fare social media management.

Finalmente, dopo le continue richieste da parte degli Editor, Facebook ha introdotto una serie di nuove feature dedicate alla pubblicazione di contenuti e alle statistiche, davvero niente male.

  • Interessi targhetizzati: Per aiutare a raggiungere con precisione le persone giuste, da oggi sarà possibile indirizzare i messaggi a un sottogruppo di fan della pagina. Immaginate di essere un giornale online, che per definizione è un grande calderone all’interno del quale sono presenti contenuti molti diversi suddivisi in varie sezioni, che naturalmente non possono interessare tutti allo stesso modo. Adesso in fase di pubblicazione potete indicare con chi condividere il post in base agli interessi, un po’ come accade con gli Ads.

  • Data di scadenza: Ci sono post che hanno un’utilità solo se visualizzati in un preciso arco temporale, come il meteo, informazioni su eventi, breaking news, etc., ma che a causa degli aggiornamenti dell’algoritmo di Facebook ce li ritroviamo nel News Feed anche dopo diversi giorni, perché hanno avuto un engagement molto elevato e, di conseguenza, sono stati giudicati più interessanti rispetto ad altri. Ora è possibile inserire la data di scomparsa del post, una sorta di scadenza per contenuti strettamente legati a un preciso momento. Il post non verrà elminato dalla pagina, quindi non influirà negativamente sugli Insight, ma non verrà più visualizzato nel News Feed dei fan.
Leggi anche:   Facebook Ads E Razzismo: Facciamo Chiarezza

  • Smart Publishing: questa è forse la funzione più interessante, anche se va testata per comprenderne l’efficacia. Attivandola nelle impostazioni, gli articoli più visualizzati e condivisi sul proprio sito verranno postati in automatico su Facebook e resi visibili ai Fan, ma solo nel loro News Feed e non sulla pagina, anche se sarà possibile comunque analizzarne i dati analytics in una sezione a parte negli Insight. A cosa serve? A intercettare il momento migliore per condividere un post relativo ad un argomento molto discusso su Facebook.  Al momento lo Smart Publishing è disponibile solo per un numero limitato di organi di informazione.

  • Miglioramenti Insights: la novità più interessante è quella relativa all’introduzione della sezione Top URL negli Insight, che consente di tracciare il tuo link in caso di condivisione da parte di altri utenti e scoprire quante visite al tuo sito provengono da contatti di nostri Fan su Facebook che noi non abbiamo ancora raggiunto.

  • Infine, hanno risolto quell’odioso bug che sballava completamente i dati relativi alla portata organica dei post, con effetti nefasti sugli Insight generali.

Tanta roba, e anche molto utile. Speriamo che Facebook continui su questa strada.

Adesso deve solo smetterla di dirci cosa leggere, quando farlo, e con chi interagire. 

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

1 Comment

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.