Due modi per utilizzare Twitter in azienda

due modi per utilizzare twitter in azienda

Ecco come utilizzare il social network dei cinguettii per la vostra attività.

Twitter è uno strumento eccezionale, perché consente, in tempo reale, di essere aggiornati su tutto quello che accade nel mondo.

Con la recente introduzione in Italia degli Ads, il social network si prepara a diventare fondamentale anche per le realtà più piccole, che fino ad oggi avevano optato per altri canali di diffusione.

È importante sottolineare, però, che non esistono solo gli Ads, in quanto Twitter offre molti spunti e opportunità per impostare una strategia dedicata al vostro business.

Gli hashtag

Ho già espresso la mia opinione sull‘importanza degli hashtag, ma come si possono sfruttare per raggiungere nuovi potenziali clienti e migliorare la propria presenza su Twitter?

Come probabilmente sapete, ogni parola può diventare un hashtag, semplicemente contrassegnandola con l’asterisco, ma non tutte sono efficaci in una strategia di comunicazione. Prima di buttarvi nella creazione di un hashtag dedicato, quindi, vi consiglio di sfruttare quelli più noti e diffusi.

Come?

Esistono due modi per farlo. Il primo, è quello di individuare gli hashtag di uso comune, ovvero quelli utilizzati sempre, indipendentemente da eventi appena verificatisi, oppure controllare quelli che quotidianamente finiscono nelle tendenze, e costruire dei messaggi che possano sfruttarne la popolarità.

Faccio un esempio per cercare di essere più chiaro. Mettiamo il caso che la vostra azienda produca o commercializzi caffè o prodotti per la prima colazione. Evidentemente il momento migliore per interagire con gli utenti è durante le prime ore del mattino, quando le persone stanno consumando o si accingono a consumare la propria colazione. Un hashtag utile in questo caso potrebbe essere #mattinieri, utilizzato da moltissimi utenti che si svegliano prima delle 9 del mattino, oppure il classico, ma altrettanto diffuso, #buongiorno.

Leggi anche:   OMG! Dove sono finite le bozze su Twitter?

Se, invece, volete sfruttare l’hashtag del momento, dovete:

  1. essere fortunati che sia associabile alla vostra attività;
  2. essere connessi h24;
  3. essere molto furbi;
  4. essere creativi.

Un esempio? Eccolo:

Come potete vedere, in questo caso easyJet Italia non ha sfruttato l’hashtag, ma l’evento. Una volta creata attenzione intorno al profilo, ha rilanciato, postando questi due tweet:

Risultato? Centinaia di RT e preferiti, articoli di giornali e diffusione virale sui vari social network. Fortuna? In parte, ma se i social media manager della compagnia aerea non fossero stati molto bravi (lo sono davvero), non sarebbero stati in grado di sfruttare il momento.

Il customer care

Quante volte vi siete ritrovati con il telefono incollato all’orecchio ad ascoltare le musichette dei centralini in attesa di ricevere assistenza da un call center?

L’assistenza clienti è una cosa seria, e andrebbe gestita nel migliore dei modi, anche perché un cliente insoddisfatto è un cliente perso.

Twitter è molto utile da questo punto di vista, perché è veloce, semplice da usare e gratuito. Molte compagnie telefoniche, ma anche banche, compagnie aeree, grandi brand, hanno da tempo attivato una linea di customer care via twitter, sfruttando i messaggi diretti.

I vantaggi di un servizio simile, se fatto bene, sono evidenti per entrambe le parti coinvolte:

  • per l’azienda, comporta una riduzione considerevole dei costi di gestione, perché non serve un call center con decine di operatori per rispondere ai tweet degli utenti, ma anche un miglioramento considerevole del servizio reso;
  • per i clienti, si traduce in minore attesa e maggiore libertà, perché si può mandare il messaggio in pochi secondi e tornare a fare altro, senza dover restare a telefono aspettando l’intervento dell’operatore.
Leggi anche:   Il ROI sui social media non è solo economico

Se ancora non avete provato a sfruttare Twitter per la vostra attività, queste due soluzioni potrebbero esservi utili.

Ma ricordate: senza interazione non otterrete un bel niente da questo social…ma neanche dagli altri.

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.