Come formattare il testo su Google +

Come formattare il testo su Google +

Partito in sordina e ancora oggi poco utilizzato, il social network di Google ha moltissime potenzialità. Ecco alcune dritte per imparare ad utilizzarlo al meglio.

La maggior parte degli utenti non sa che esista o non l’ha mai sentito nominare. Una bella fetta di iscritti non sanno nemmeno di esserlo, e questo è un punto a sfavore della Big G, che si è preso delle libertà che non le competono. È molto diffuso tra i #socialmediacosi, ovvero tra quelle persone che per passione o per lavoro si tengono al passo coi tempi per quanto riguarda internet e i media digitali. Ma ha un forte seguito anche in altri settori, come quello automobilistico, con community molto vive e con migliaia di iscritti.

Anche se ad un primo sguardo superficiale può dare l’impressione di essere una brutta copia di Facebook, Google + offre molti spunti interessanti.

Potremmo riassumerli in sette elementi principali:

  1. l’interfaccia pulita e veloce, senza banner pubblicitari e newsfeed con contenuti eterodiretti;
  2. le community, che non hanno nulla da invidiare all’equivalente “facebookiano” dei gruppi;
  3. l’assenza del concetto di amicizia, che ti costringe a rimanere in contatto sempre con le stesse persone (l’abbiamo già visto con Twitter);
  4. le pagine local, dedicate a attività commerciali, delle quali parleremo in un futuro post;
  5. il valore dei contenuti pubblicati da un punto di vista SEO, visto che i post vengono riproposti da google nelle ricerche correlate;
  6. gli Hangout, ovvero le video chat che stanno rivoluzionando il concetto di seminario online;
  7. l’editing testuale.
Leggi anche:   Perché iscriversi a Google Plus?

Su quest’ultimo punto ritengo opportuno soffermarsi un attimo, per capire per quale motivo uno strumento simile possa essere estremamente importante. Come sicuramente sapete già, Facebook e simili non consentono l’editing del testo (la formattazione del testo, per intenderci), fatta eccezione per social network votati al blogging come Tumblr o Medium, ai quali dedicheremo spazio su questo blog. Questo limite risulta molto evidente quando si utilizzano i social come strumento di lavoro, dove la possibilità di mettere in evidenza parole formattandole può risultare molto utile.

Come si fa?

In realtà, è molto semplice. Basta utilizzare dei simboli grafici ed il gioco è fatto. Eccoli:

  • Grassetto: inserire * prima e dopo la parola o la frase che intendete mettere in grassetto, in questo modo *esempio testo*; il risultato sarà esempio testo.
  • Corsivo: inserire _ prima e dopo la parola o la frase, così: _esempio testo_; esempio testo
  • Barrato: inserire prima e dopo la parola o la frase, così: -esempio testo-; esempio testo

È possibile anche fondere gli stile, semplicemente inserendo i simboli grafici adeguati. Ad esempio, se volete il testo in grassetto e in corsivo non dovrete fare altro che scrivere _*esempio testo*_ per visualizzare questo: esempio testo.

Ricordate, però, che la formattazione la vedrete solo una volta pubblicato il post, non prima.

Una funzione molto utile, che su Google + è disponibile. Ora lo sapete, approfittatene.

Francesco Ambrosino
33 anni, Digital Marketer specializzato in Gestione Blog Aziendali, Formazione Professionale, SEO Copywriting, Social Media Management e Web Writing.Membro di Open-Box e Comunicatica, co-creatore di Digitalklive

Davvero volevi andare via senza lasciarmi un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.