Come fare Instagram marketing

Instagram Marketing

È il re dei selfie e del foodporn, ma si presta anche ad azioni di marketing mirate. Ecco qualche spunto.

Lo ammetto, Instagram non lo amo particolarmente, sarà che sono interessato ad un altro genere di contenuto, ma non posso negare che abbia un certo fascino, soprattutto nelle fasce di popolazione più giovani, ed è evidente a tutti, non solo a chi si occupa di social media marketing, che i contenuti visual sono quelli più apprezzati dagli utenti.

Certo, puoi sempre puntare sui post sponsorizzati, ormai disponibili anche su Instagram, ma prima di investire denaro negli ads io ti consiglio di focalizzarti sulla costruzione di una presenza che sia adeguata alla piattaforma e che, di conseguenza, risulti efficace.

Ecco qualche idea su come sfruttare questo social network in una strategia di marketing integrata e creare un profilo efficace.

Crea una brand identity forte

Un modo per attrarre utenti intorno al brand è costruire una identità visiva chiara, che risponda ad una strategia facilmente riconoscibile, sia dal punto di vista dei contenuti che da quello estetico.

Il profilo, insomma, se visitato, deve risultate armonioso, coerente, lineare, in modo che il follower possa subito identificare il contenuto con il brand, senza nemmeno aver bisogno di controllare l’utente che l’ha condiviso.

calendario editoriale banner

Condividi esperienze

Questo principio vale per tutti i social network, Instagram compreso, e va seguito come se fosse un precetto religioso.

Quindi, non limitarti a pubblicare le foto o i video dei tuoi prodotti, ma condividi delle esperienze, coinvolgi gli utenti, fai conoscere a tutti il lato umano del tuo brand.

Insomma, mettici la faccia e invita gli utenti, e potenziali clienti, a entrare virtualmente nelle stanze del tuo ufficio e della tua azienda e rendili partecipi di quello che accade, fai conoscere i tuoi collaboratori, mostrali mentre creano i prodotti. Esponiti!

Crea una Community intorno al brand

Uno dei difetti che riscontro maggiormente in Instagram, ed è uno dei motivi per i quali non mi prende più di tanto, è la scarsa propensione alle interazioni, perché tutto ruota intorno all’apprezzamento o meno delle foto e dei video pubblicati dagli account. Non ci sono gruppi di settore, ed il flusso dei contenuti non è personalizzabile, quindi si rischia di perdersi molti contenuti interessanti quando ci si collega per pochi minuti.

Per creare una community intorno al tuo brand devi coinvolgere gli utenti, invitandoli a condividere con te foto o video, ad esempio di loro mentre utilizzando il tuo prodotto.

Non chiuderti in te stesso, in una produzione vanitosa ed egocentrica, perché gli utenti voglio sentirsi partecipi, altrimenti si annoiano.

Fai delle domande, inserisci delle call to action nella descrizione delle foto, o nelle foto stesse, cerca di stimolare l’interazione.

Sfrutta gli hashtag

Nel mio post sul Food Marketing online ti ho indicato la possibilità di sfruttare degli hashtag popolari su Instagram per contrassegnare i tuoi contenuti e aumentarne l’eco. Nello specifico ho fatto riferimento a #picoftheday e #foodporn, due degli hashtag più diffusi sui social, non solo su Instagram, spiegandoti perché utilizzarli potrebbe portati una maggior e visibilità.

Però devi concentrarti, e creare dei contenuti che siano veramente originali e degni di nota, perché emergere nel flusso enorme di foto e video pubblicati e contrassegnati con quegli hashtag non è per niente facile.

Potrebbe essere utile anche creare un hashtag aziendale, da applicare ad ogni tuo contenuto, nella speranza che possa essere ripreso anche dagli utenti e imporsi come standard.

Condividi contenuti eccezionali

Di foto su Instagram ce ne sono milioni, perché mai la tua dovrebbe ottenere più successo delle altre?

Se vuoi avere seguito su questo social devi condividere elementi visual eccezionali, foto bellissime, video emozionanti, divertenti, ben fatti.

Non limitarti alle foto dei gatti solo perché piacciono tanto, crea e condividi elementi che siano in linea con la tua azienda e con la strategia editoriale che hai impostato.

Condividi contenuti esclusivi

Pubblica video “rubati”, dietro le quinte, prodotti in serie limitata, scene di vita quotidiane divertenti o emozionanti, regala ai tuoi follower qualcosa che sia unica, irripetibile, capace di coinvolgerli e indurli a condividerli, commentarli e cliccare sul cuoricino.

Non temere di esporti troppo, le persone vogliono proprio questo, la sensazione di una connessione empatica reale, come accade tra amici e familiari.

Condividi anche su Facebook

Da quando lo ha acquistato, l’integrazione tra Facebook e Instagram è veramente perfetta, mentre prima funzionava meglio quella con Twitter, quando veniva mostrata l’anteprima della foto nel tweet, e non solo il link come accade oggi.

Per questo motivo, sincronizzare i due account in modo tale che il contenuto pubblicato su Instagram venga postato anche su Facebook può portarti nuovi follower, che ti seguono sul social blu ma non ancora sul fratello minore.

Come vedi, fare Instagram Marketing vuol dire creare qualcosa che meriti attenzione, quindi devi sforzarti di essere originale, creativo, di non avere preclusioni e preconcetti, perché avere paura di esporsi potrebbe rappresentare un grosso limite, come camminare con il freno a mano tirato.

P.S.: Ti consiglio di scaricare l’ebook gratuito di Marko Morciano “Il Mondo di Instagram”.


Scarica Gratis l’eBook “Come creare contenuti utili”, scritto da me e da Federico Simonetti. Clicca sul banner qui in basso. 

Ebook contenuti utili

 

Francesco Ambrosino
Seguimi

Francesco Ambrosino

Web Content Specialist at Socialmediacoso
32 anni, Laureato in Scienze della Comunicazione, mi occupo di Formazione Professionale, Social Media, Copywriting e Blogging.
Non parlo di cose che non conosco, quindi parlo poco. Se posso, scrivo. Per lavoro, coso il coso.
Francesco Ambrosino
Seguimi
Francesco Ambrosino
32 anni, Laureato in Scienze della Comunicazione, mi occupo di Formazione Professionale, Social Media, Copywriting e Blogging. Non parlo di cose che non conosco, quindi parlo poco. Se posso, scrivo. Per lavoro, coso il coso.

Leave a Comment

buzzoole code